TERMINOLOGIA LAGUNARE

barene

Barene

Formazioni, spesso rilevate rispetto al fondo lagunare, di area e forma variabili,  contraddistinte sempre da un bordo rialzato e da una zona centrale più depressa. Vengono  sommerse soltanto durante le alte maree di sizigia, oltre, ovviamente, durante le alte maree  eccezionali. Tradizionalmente, la linea di distribuzione delle barene costituiva una sorta di  divisione fra la cosiddetta laguna viva, periodicamente soggetta all’azione di marea, e la laguna  morta, inattiva sotto il profilo idraulico. La formazione delle barene pare sia da mettere in  rapporto sia con il deposito di materiali da parte di fiumi che anticamente sfociavano in  Laguna, sia con le numerose bonifiche lagunari, a partire dalle più antiche, risalenti al XVI secolo.

Canali

La semplice consultazione di una carta della Laguna consente di rendersi conto dell’esistenza  di una vasta rete di vie d’acqua, naturali o artificiali, che solcano il territorio rappresentato. Ci  sembra interessante richiamare la posizione di Venezia rispetto alla rete dei canali naturali. La  Città è situata fra depressioni lagunari abbastanza evidenti e la bocca di Lido, al centro quindi  di una zona depressa, alimentata dal flusso marino e costantemente interessata dal riflusso.  Numerosi canali, alimentati, sia oggi che in passato, da apporti di acque fluviali, si internano  anche nelle zone più remote della Laguna. Alcuni di essi sono stati costruiti o rettificati  dall’uomo. Ricordiamo, a questo proposito, le scomenzere (vie d’acqua incominciate, come dice il loro nome – in veneziano antico scomenzar significa appunto iniziare -, dall’azione umana, e terminate dalle forze naturali), i canali litoranei interni, i canali artificiali, costruiti per facilitare la navigazione in Laguna.

 

Limiti

La Laguna di Venezia presenta, come le altre lagune, bordi sfrangiati e irregolari, cui debbono aggiungersi confini artificiali, che la separano dalle zone in cui sono state compiute imponenti opere di bonifica. Il complesso di tali delimitazioni costituisce l’aspetto morfologico della conterminazione. Questa è stata determinata con esattezza, anche mediante cippi, che consentono la precisa individuazione del territorio lagunare di competenza giuridica dello Stato.

Isole

Sono lembi di terraferma non soggiacenti alle alte maree di sizigia, sommersi solo da  eccezionali alte maree. Alcune isole derivano sicuramente da antichi relitti di dune, e possono  essere riconosciute in due zone ben localizzate, una a sudest di Chioggia, l’altra nel bacino del  Lido. Altri gruppi di isole, come quelle su cui è sorta la città di Venezia – la Giudecca e S.  Giorgio, Murano, Burano, Torcello – hanno una forma più compatta, che testimonia della loro  origine di deposito fluviale. L’azione umana è infine responsabile di interramenti di  preesistenti sacche, come quella su cui è sorto Porto Marghera.

 

Lidi e porti

Il litorale, o lido, è costituito da un cordone naturale di dune, elemento caratteristico e, in certo  senso, necessario all’esistenza stessa della Laguna. Questa formazione è interrotta da un certo numero  di bocche naturali -porti- che consentono la comunicazione fra la Laguna e il mare.

 

 

 

Valli

Il termine valli è caratteristico di determinate superfici, situate lungo la costa occidentale  dell’Alto Adriatico, ove si esercita la pesca. Una più precisa localizzazione di esse, può essere  riferita alla Laguna veneta o a quelle di Comacchio. Valli arginate o chiuse, sono bacini  totalmente isolati dagli specchi d’acqua e dalle terre circostanti, e caratterizzati da un regime  idraulico pienamente controllato, con afflusso regolato di acqua dolce e di acqua salata. Le  valli semi arginate sono invece quei bacini, ove la chiusura dai contigui specchi d’acqua e  canali, non è assoluta e completa.

 

Superfici paludive

Superfici paludive sono quelle che risultano soggette alle maree ordinarie. Esse hanno una  precisa funzione, sia dal punto di vista idraulico, in relazione al flusso e deflusso di marea, che  da quello biologico, in quanto rappresentano un caratteristico ambiente di vita, correlato alle  loro caratteristiche chimico-fisiche. La loro tipica forma a catino, con bordi rialzati e parte  centrale depressa, le rende in parte simili alle barene, dalle quali però differiscono, oltre che  per le dimensioni, per la diversa altezza, relativa a qualsiasi quota di riferimento. La loro  localizzazione nel territorio lagunare è piuttosto caratteristica e sembra che possa essere  messa in relazione con le linee divisorie – partiacqua – dei bacini di Chioggia, di Malamocco e del Lido.

 

leave a comment

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

CAMPING PARK DEI DOGI

Viale Oriente,13
30016 JESOLO Pineta
Venezia - Italia
tel: (+39) 0421 961868
tel: (+39) 0421 188 5626
Fax: (+39) 0421 188 5619
cell: (+39) 334 89 30 078

Skype: campingparkdeidogi
info@campingparkdeidogi.com
GPS: N 45° 31' 17" E 12° 41' 17"

Skype Me™!
» Get Skype call for free! chiamaci gratuitamente con Skype

CONTATTACI

1+3=?